ATTENZIONE! Sta utilizzando una versione ormai obsoleta di Internet Explorer.
Si consiglia di aggiornare il Browser per visualizzare correttamente il sito.

LE DONNE DEL VINO, DELLA GRAPPA E LADYCHEF DEL TRENTINO INCANTANO IL TEATRO DI PERGINE VALSUGANA



Share



Teatro di Pergine Valsugana – Il 20 Settembre scorso, Livia Bertagnolli ha preso parte all’inedita formula di spettacolo e cultura enologica che ha inaugurato la rassegna “Musica e…”, ideata da NaturalMenteArtEventi per il Teatro di Pergine Valsugana, nuova e vitale realtà della cultura trentina

In occasione dell’equinozio d’estate e della vendemmia il teatro ha scelto di celebrare il tema del vino attraverso la figura della donna. “Abbiamo affidato l’ideazione e la conduzione del talk-show ad Aurora Endrici, comunicatrice del vino ed ambasciatrice del mondo dell’enogastronomia al femminile – spiega  Corrado Bulgaro,  responsabile eventi musicali della struttura – La musica è stata affidata al genio e alle sonorità del cristallarmonio di  Gianfranco Grisi,  accompagnato alla chitarra da  Elvio Salvetti.

Aurora Endrici ha coinvolto in un fluido ed emozionante talk-show nove donne eccellenti dell’enogastronomia trentina (tutte associate alla Associazione Nazionale Donne del Vino o Donne della Grappa) che hanno lasciato con il fiato sospeso il pubblico in sala, tra musica, racconti di vita, lavoro e passioni.”

Nell’inusuale dimensione del palcoscenico si sono avvicendate le testimonianze di  Livia Bertagnolli   (Distilleria Bertagnolli), Christine Endrici (Endrizzi), Camilla Lunelli (Ferrari),Chiara Simoni (Maso Cantanghel), Roberta Stelzer (Maso Martis), Romina Togn (Maso Poli),Barbara Mottini (Vallarom), Patrizia Pedrotti (Associazione LadyChef Trentino) e Sara Sighel (Agriturismo La Stropaia).

Allo spettacolo è seguita la straordinaria degustazione dei vini e grappe delle produttrici, con piatti preparati dalle  chef e le specialità di malga della Valsugana a cura dello  Slow Food Valsugana Lagorai. Un energico corollario all’evento è stato offerto  inoltro dal corpo di ballo dell’Associazione  Flamenco “Miel y Limon”  che si occupa della diffusione delbaile e della cultura  flamenca in regione.

“La formula dell’evento ha dimostrato come di vino (ed enogastronomia) del Trentino si può parlare in una veste diversa, fatta anche di positività, racconti vita autentica, fatiche e passioni, parole chiave queste di racconti veri, scaturiti in un inedito unisono di esperienze da parte delle produttrici”, commenta Aurora Endrici.

In Italia nel settore vino ci sono oggi 538 mila donne titolari di imprese rurali e 115 mila che dirigono cantine. E i numeri del fatturato sono interessanti: 9 miliardi di euro vengono generati dalle imprese agricole con direzione femminile e 500 milioni di business sono quelli sviluppati negli agriturismi diretti da donne, quasi la metà del totale (dati CIA). Nel vino le titolari donne sono il 30% del totale – circa 115 mila – e anche qui in prevalenza indirizzate su produzioni di alto profilo. Il 77% produce vini DOC oppure DOCG.

Nella foto in piedi da sinistra: Barbara Mottini Scienza (Vallarom), Chiara Simoni (Maso Cantanghel), Camilla Lunelli (Ferrari), Sara Sighel (La Stropaia), Aurora Endrici, Livia Bertagnolli (Distilleria Bertagnolli), Roberta Stelzer (Maso Martis), Romina Togn (Maso Poli), Christine Endrici (Endrizzi), Patrizia Pedrotti (Ladychef Trentino), Corrado Bungaro (Teatro di Pergine), Gianfranco Grisi