ATTENZIONE! Sta utilizzando una versione ormai obsoleta di Internet Explorer.
Si consiglia di aggiornare il Browser per visualizzare correttamente il sito.
Diese Webseite benutzt technische Cookies und jene von Drittanbieter. Klicken Sie hier, um weitere Informationen dazu zu erhalten, oder deren Verwendung zu verweigern.
Durch die weitere Nutzung dieser Webseite, wird die Verwendung von Cookies akzeptiert. Schließen

IL COLLEZIONISTA DI LIQUORI



teilen



BERTAGNOLLI – La storica distilleria trentina si è presentata al Vinitaly con un importante restyling della sua ricca linea di grappe monovarietali e barricate così come del popolare “Grappino”. Un’immagine aziendale completamente rinnovata, coincisa con l’entrata in azienda di Martina Bosetti, figlia di Livia Bertagnolli, che ha curato l’intero progetto.


Dal lavoro dell’agenzia milanese Robilant Associati è nata una nuova linea di etichette delle grappe monovarietali dalla ricca tavolozza cromatica, dove ad ogni vitigno e tipologia sono stati assegnati un colore e un aggettivo che sintetizzano il carattere del prodotto. Un profondo restyling hanno subito anche il “Grappino” e il “Gran Grappino”, nelle versioni Bianco e Oro – prodotto di punta dell’azienda fin dal lontano 1870 – e la pluripremiata “Koralis”, la celebre riserva di più vitigni, tra i primi esempi di barricata in Italia. Tutti questi distillati sono proposti in bottiglie in vetro chiaro, dalla spalla larga, con elegante logo in rilievo. Rinnovato è anche il sito (www.bertagnolli.it), online il giorno dell’apertura del Vinitaly, con il nuovo marchio rosso vermiglio, ispiratore di forza e dinamismo. E per il futuro? Sostiene Martina: «La nostra comunicazione è solo all’inizio; a breve affineremo una strategia sui social, organizzeremo eventi e happening dove divertirsi con il mondo della grappa e sperimenteremo – perché no – nuove ricette e cocktails con i nostri prodotti…». Bertagnolli: il mondo della grappa è giovane!